Taking too long? Close loading screen.

Progetto Casa


Il progetto casa nasce per rispondere alle esigenze dei ragazzi con disabilità intellettiva di essere considerati adulti e di vivere esperienze di vita indipendente.
Essere adulti si esprime anche con il distacco dalla casa genitoriale, laddove uscire di casa è vissuto come una scelta possibile e non come una necessità; inoltre il progetto intende dare consequenzialità ai percorsi formativi sull’autonomia realizzati dai ragazzi durante l’adolescenza e sperimentare che esiste un’autonomia possibile per tutti.
• Pensata come una casa, per dare un’idea di vita domestica ai ragazzi
• Priva di barriere architettoniche
• Situata in zona centrale
• Raggiunta da mezzi e servizi
Gli spazi interni offrono: cucina abitabile, ampio salone con spazi strutturati per le diverse attività , 2 camere da letto, doppi servizi e un ampio terrazzo.

La struttura è idonea ad ospitare piccoli gruppi di ragazzi down provenienti da altre città e per soggiorni / vacanze.

Residenzialità autonoma: ( dai 18 anni in poi )

Si intende “comunità alloggio” una situazione in cui più persone in situazione di Handicap (dai 5 a 10 ) vivono nello stesso appartamento assieme ad alcuni operatori (da 2 a 4 in turnazione). Differentemente gli appartamenti protetti accolgono di norma da 2 a 4 persone con discreta autonomia e capacità di collaborazione. La presenza degli operatori va via via a ridursi all’ aiuto di collaboratori domestici.
Queste soluzioni nascono dal tentativo di conciliare:


• OBIETTIVI:


• Il superamento dell’ istituzionalizzazione;

• Il favorire l’ autonomia dei soggetti e il senso di appartenenza “vado a casa mia”;

• L’ offerta di assistenza sia utile, ma non ostacolante la ricerca di autonomia ;

• Attività autonome, prepararsi da mangiare, fare la spesa, lavarsi gli indumenti ecc.;
2-g-striscionetavolo
2-g-salagiochicucina
2-g-computerscrivania
2-g-divanolettoscrivania
2-g-armadio-e-divano
2-g-bagno
2-g-cucina
2-g-tavolocucina